Lo smartphone fa parte della nostra vita, ci sveglia, ci intrattiene, ci ricorda cosa acquistare, ci guida, ci aiuta a rimanere in contatto con gli amici, ci assiste in tutte quelle operazioni della giornata che altrimenti diventerebbero troppo lunghe e spesso infattibili. Il suo successo è stato proprio quello di seguirci con delle capacità di un computer, in un’epoca dove l’umanità si muove velocemente e affrontando lunghe distanze.

Ma per lo più il rapporto con il nostro telefono è mono-direzionale.

Photo by Daria Nepriakhinaon on Unsplash

Consultiamo, leggiamo, consumiamo, ma viviamo un’esperienza spesso frustrante, data dalla monotonia alla quale i social ci hanno abituato. Le forme di interazione oramai non cambiano più da anni, obbligate da strategie di comunicazione che devono essere sempre più generiche per massimizzare i risultati su una platea che è innegabilmente molto eterogenea. I contenuti, attraverso la profilazione dei nostri gusti, stanno diventando sempre più personalizzati, ma che ne è della user experience?

L’utente vive una buona esperienza quando viene intrattenuto, con qualcosa di divertente e utile, che “porta avanti la propria storia”. La storia (o il “journey”) può essere attraversare un percorso museale, trascorrere una serata a teatro o vivere un giorno di festival. Quanto può diventare ancora più efficace l’intrattenimento se oltre ai contenuti anche interazione e interfaccia cambiano al proseguire della vita dell’utente?

In Mango abbiamo attraversato l’epoca dove i nostri utenti han per la maggior parte consultato le nostre app, per quanto queste abbiano potuto essere aggiornate e con contenuti sempre freschi. Ora ci stiamo approcciando ad un’inversione di rotta. I nostri prodotti iniziano ad arricchirsi di bidirezionalità delle informazioni, seguiti da una sempre più attenta comunicazione che veicoli queste informazioni. Il tutto per creare un’esperienza di utilizzo nuova.

Photo by Kevin Grieve on Unsplash

Essere in movimento significa generazione di informazioni da parte dell’utente che permettono di proseguire nel journey. Infatti per Localizzazione Intelligente non si intende solamente mostrare all’utente dove si trova su una mappa, ma significa rispondere con informazioni differenti che portano avanti il percorso che l’utente sta facendo. Un’interfaccia dinamica che muta al suo spostamento è importante per offrire un’esperienza d’uso adeguata.

La Localizzazione Intelligente, in app, si concretizza con notifiche che appaiono all’avvicinarti di un luogo, consigliando cosa fare in un preciso momento: dall’assaggiare dei prodotti di forno appena preparati, all’entrare all’ultimo turno della mostra.

All’apertura dell’app le azioni suggerite vengono svelate nei dettagli, riportando immagini dell’offerta, una biglietto pronto per essere acquistato o una chat dove l’interlocutore dell’attività commerciale è pronto a raccontare un prodotto o ad invitare l’utente ad entrare in negozio, magari supportato da un assistente ad intelligenza artificiale.

Photo by Jay Wennington on Unsplash

Tutto questo lo realizziamo in Mango integrando le conoscenze sullo sviluppo nativo (iOS/Android) e sulla localizzazione che attraverso iBeacon e GPS permettono sulle nostre app di reagire e interagire con gli spostamenti dell’utente. IBeacon per quando riguarda localizzazioni fini o da interni (10~100mt) e Geofence GPS (100~1000mt) per quanto riguarda distanze più ampie, permettono insieme di conoscere i movimenti dell’utente per sapere cosa sta percependo intorno a sé e stimolarlo proattivamente attraverso un’interfaccia dell’app adeguata.

Caliamoci quindi nel nostro amato mondo della cultura. E cosa se non scoprire un percorso museale nascosto all’interno di un palazzo storico, con segreti dell’epoca e storie svelate da una guida virtuale che segue l’utente e sa cosa si sta osservando in un preciso momento? Se poi si ha la fortuna di abitare in Italia, la possibilità di scoperte culturali inedite e insolite possono essere davvero dietro ogni angolo. E allora immaginiamo di scoprirle mentre trascorriamo un sabato di relax lungo le vie storiche della nostra città preferita, lasciandoci sorprendere da un’app che si adatta al nostro journey.

Photo by AC Almelor on Unsplash

Leave a Comment